Il diritto al  l’oblio dei dati e’ un concetto gia’ esistente prima della diffusione del web.

Come prima cosa bisogna capire cosa sia l’oblio dei dati.

Quello di diritto a L’oblio dei dati è, in realtà, un concetto nient’affatto recente, anche prima della diffusione del web si era posto il problema della riproposizione, sui media tradizionali, di notizie datate e che, dunque, avevano perso l’interesse del pubblico assumendo, al contrario, quello della persecuzione di un individuo mediante la rievocazione di fatti su cui, invece, sarebbe stato opportuno che cadesse il velo della dimenticanza.

La tutela della riservatezza delle persone fisiche e giuridiche è stata messa duramente  alla prova. Il web, infatti, non solo ha determinato un incremento esponenziale della velocità di circolazione e diffusione delle notizie, ma ha anche consentito la loro memorizzazione e catalogazione,

Oltre alla velocità’ delle notizie ci si e’ posto anche il problema ancora maggiore dalla qualità’ delle informazioni, giacché l’avere a disposizione un accesso più agevole alle notizie non necessariamente implica il miglioramento del livello di consapevolezza critica di chi legge.

Tuttavia, la necessità di innalzare il livello di tutela offerta e di prevedere delle norme minime comuni a tutti gli stati aderenti all’Unione ha indotto il legislatore comunitario ad avviare un articolato iter conclusosi il 16 maggio 2016 con l’adozione del Regolamento Europeo nr. 679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati.

Questa nuova legge entrerà’ in vigore nel prossimo mese di Maggio e tutte le aziende dovranno mettersi a norma per proteggere tutti i dati personali in loro possesso .

Compila il forum ed entra in contatto con noi

Un ConsulenteFastweb verrà presso la tua azienda, potrai discutere con un professionista qualificato per aiutarti a comprendere tutte le dinamiche e le condizioni dei servizi Fastweb che promoviamo.